Nutriceutica

Buon cibo per il benessere psico-fisico

Sempre più spesso si sente parlare di “nutriceutica”, una scienza contemporanea che pone al centro del suo interesse il benessere psico-fisico dato dal consumo di determinati cibi ed alimenti.

Nella nutriceutica il cibo diviene il rimedio principale per la cura ed il mantenimento in uno stato ottimale del proprio organismo.

Trattandosi di una scienza, grazie alla ricerca si è arrivati a stabilire il valore preventivo e terapeutico dei probiotici, le proprietà nutrizionali delle alghe, le azioni positive che si ottengono dai carotenoidi, flavonoidi, del resveratrolo, dall’acido folico;

Tali “alimenti-farmaci” vengono definiti “nutriceutici” e sono caratterizzati da componenti nutrizionali selezionate per caratteristiche quali l’alta digeribilità e l’ipoallergenicità; inoltre un alimento nutriceutico ha proprietà curative date dai principi attivi naturali di cui si compone.

Tra gli alimenti con caratteristiche funzionali, ci sono i probiotici, presenti nello yogurt o in prodotti simili, capaci di bilanciare la microflora intestinale; i prebiotici, tra cui i frutto-oligosaccaridi, incaricati di influenzare l'attività di specie batteriche della flora intestinale già presenti nel nostro corpo.

Tra gli alimenti legati ai nutraceutici ci sono soprattutto la frutta e gli ortaggi, ricchi di antiossidanti. Inoltre, spinaci, cavoli, broccoli e uova sono ricchi di leutina, utile per la vista. Il lievito di birra contiene aminoacidi, carboidrati, proteine, sali minerali e vitamine.

Questi sono soltanto alcuni esempi che possono iniziare a farci riflettere e capire che possiamo trattar bene il nostro organismo selezionando gli alimenti da portare sulle nostre tavole.