Il Convento dei frati Cappuccini e la sua cripta

20323440

Il Convento e la Chiesa dei Cappuccini di Savoca sono due edifici religiosi che sorgono sopra un colle, nelle vicinanze del centro storico della cittadina. I frati cappuccini, fondarono a Savoca nel 1574, il loro primo convento, dedicato a Sant'Anna, mentre l'attuale convento, venne edificato tra il 1603 ed il 1614, ad opera del padre generale Lorenzo da Brindisi e del padre provinciale Girolamo da Polizzi. Si tratta di una struttura imponente composta da due piani, al piano terra si trovano la biblioteca, il refettorio e la cucina, mentre al primo piano sono allocate le stanze dei frati. Il convento, in ottimo stato di conservazione, è gestito da un'associazione religiosa ed è messo a disposizione di gruppi di turisti. Annessa al maestoso edificio del convento, si trova la chiesa dedicata a San Francesco d'Assisi. Al suo interno racchiude varie opere di grande pregio artistico e storico, di cui la più antica è sicuramente la tela ad olio della Madonna di Loreto, attribuita ad Antonino Giuffré. Nel sottosuolo della piazzetta antistante la chiesa del convento, ha sede la famosa cripta, che racchiude 37 cadaveri mummificati appartenenti alla potente aristocrazia savocese. Si pensa che, nel corso del XVI secolo, i frati cappuccini avrebbero appreso le tecniche dell' imbalsamazione in Sud America. La mummia più antica risale al 1776, ed appartiene al notaio Pietro Salvadore, la più recente è del 1876 ed appartiene a Giuseppe Trischitta.