Il Castello Ursino di Catania

Storia del Castello Ursino

Catania - Castello Ursino 03

Il Castello di Catania fu costruito per volontà di Federico II di Svevia fra il 1239 e il 1250. Gli ambienti del castello furono sede di alcuni avvenimenti importanti durante le guerre del Vespro, in particolar modo nel 1295 vi si riunì il Parlamento che dichiarò decaduto Giacomo II ed elesse, come nuovo re di Sicilia, Federico III. Durante il XIV ed il XV secolo “Castello Ursino” fu residenza dei reali aragonesi. A partire dal XIV secolo la fortezza venne adibita a prigione, perdendo così il suo ruolo militare. Oggi è sede del Museo Civico che contiene le raccolte dei Benedettini e le raccolte Biscari.

Struttura del Castello

L’edificio è a pianta quadrata, con muri laterali lunghi più di 50 metri. Agli angoli si ergono quattro torrioni di forma cilindrica. L’ingresso è sormontato da un arco acuto sul quale si trova un’edicola con l’aquila sveva che artiglia una lepre. Originariamente l’area del castello era delimitata da un fossato difensivo e si accedeva alla corte per mezzo di un ponte levatoio, ma le ripetute eruzioni colmarono il fossato. Tra l’atro la fortezza che nei lati Est e Sud si affacciava sul mare, in seguito alle copiose colate laviche vide l’allontanarsi della linea di costa per parecchie centinaia di metri.