La Cattedrale di Lipari

La Cattedrale di San Bartolomeo

All’interno delle mura del Castello di Lipari si trova la Cattedrale di San Bartolomeo, patrono dell’isola. Si tratta del principale luogo di culto della località. Fu costruita per volere di Ruggero I il Normano, sui resti di un antico tempietto pagano. Al tempo delle incursioni piratesche, specialmente all’epoca del pirata Barbarossa, la cattedrale fu distrutta. Fu poi riedificata in epoca rinascimentale mantenendo le caratteristiche della precedente struttura. Fu arricchita da un’artistica volta a botte  e ai lati furono realizzate numerose cappelle.

Nel corso1700 la Cattedrale di Lipari fu ulteriormente ampliata, venne alzato il campanile e si aggiunsero due navate laterali. La costruzione della navata destra comportò la demolizione di uno dei lati del Chiostro Normanno. Ancora oggi il Duomo svetta sopra i tetti delle abitazioni, mostrando a tutti i visitatori dell’isola la storia che le sue mura conservano.

Il Culto di San Bartolomeo

Già nel VI secolo, secondo le testimonianze, esisteva un grande tempio dedicato al culto di San Bartolomeo. Nei secoli la devozione dei liparesi verso questo Santo, apostolo di Gesù, crebbe e si radicò fortemente, tanto da eleggerlo Patrono dell'isola. Ogni anno il 24 Agosto una grande festa sacra è tenuta in suo onore. I devoti arrivano da tutta la Sicilia e non solo. In questa occasione la statua del Santo viene portata in processione per le vie di Lipari.