Chiesa Ss. Apostoli Pietro e Paolo

La Chiesa Madre

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo Castiglione di Sicilia

Grazie alla particolare salubrità dell'aria, che rende Castiglione di Sicilia ancora oggi una pregevole stazione climatica, nel passato, già a partire dal Seicento, numerosi prelati vennero a trascorrere qui periodi di cura e convalescenze e pertanto il borgo fu dotato di un gran numero di chiese: nel XVII secolo ve ne erano addirittura trentasei. Oggi ne residuano una decina, fra le quali la Chiesa Madre, intitolata ai santi aposto Pietro e Paolo e per molti secoli "chiesa maggiore" sotto la cui giurisdizione arcipretale ricadevano ben sei paesi. 
 
Sorta su basi già esistenti e su uno dei quattro castelli di Castiglione, la chiesa venne edificata nel 1105 e, secondo la tradizione, fu il conte Ruggero a completarne la costruzione. L'interno è a croce latina e contiene tre tele di Antonio Bonaccorsi: sul primo altare a destra l'Adultera, sugli altari di sinistra San Biagio e l'Immacolata; il transetto destro contiene un Crocifisso ligneo che risale probabilmente al XVI secolo. Sul pavimento del transetto si trova una meridiana, tracciata nel1882 dall'astronomo Temistocle Zona e, passando dall'uscita del transetto medesimo, si può ammirare l'antica abside del 1105, ornata da un giro di archetti pensili che testimonia la prima costruzione normanna.