Castello di Fénis

Il Castello medievale di Fénis

Castello di fenis

 

Nel comune di Fénis, in Valle d'Aosta, si erge questo maestoso castello medievale, uno dei più famosi grazie alla maestosa doppia cinta muraria merlata. La particolare posizione in una zona del tutto priva di difese naturali, fa pensare che l'edificio venisse all'epoca utilizzato come sede amministrativa della famiglia Challant-Fénis piuttosto che come fortezza per la difesa. 

La nascita del Castello di Fénis continua a restare del tutto sconosciuta, probabilmente era stata la sede di una villa romana ma non sono state rinvenute prove concrete a sostegno di questa tesi. Il primo riferimento all'edificio come "castello" si ha in un documento del 1242, nel quale un castrum Fenitii è indicato come proprietà del della famiglia dei visconti di Aosta.

Aimone di Challant, che ereditò il castello dal nonno, diede l'avvio ai lavori di costruzione nel 1340 facendo erigere il corpo centrale abitativo e la cinta muraria esterna. Il figlio di Aimone, Bonifacio I di Challant, continuò i lavori di ampliamento del maniero, ricavando dal sottotetto della struttura un altro piano e facendo assumere al cortile interno l'aspetto attuale, con due piani di ballatoi in legno e un grande scalone in pietra.

Con la morte di Bonifacio I la famiglia Challant attraversò un periodo di declino economico che portò all'interruzione forzata dei lavori di abbellimento e ampliamento dei locali del castello. Si dovette attendere la fine del 1800 per l'avviò dell'opera di recupero e di restauro. Nell'arco di questi secoli il castello aveva subito un susseguirsi di passaggi di proprietà, divenendo nel 1895 proprietà dello Stato Italiano. Fu Alfredo d'Andrade ad occuparsi di questa trattativa e fu lui stesso, poi, ad impostare i lavori per il recupero dell'edificio, grazie alla collaborazione di De Marchis, che si insediava nel castello come custode. Una seconda campagna di restauri ebbe luogo a partire dal 1935 a cura di Cesare Maria de Vecchi e Vittorio Mesturino, a questa fase risale il riarredo del castello. 

La struttura

Il castello è costituito da un corpo centrale di forma pentagonale, circondato da una doppia cinta muraria merlata. Si accede all'interno della struttura attraverso un portale che si apre nelle mura del lato a sud e passa vicino a una delle torri più antiche. Oltrepassato il portone ci si ritrova in un cortile, nel quale è presente un edificio un tempo utilizzato come scuderia. Dal cortile si accede a una grande stanza rettangolare che occupa gran parte del lato nord del piano terra. Il primo piano è quello più elegante e meno freddo del maniero, era riservato ai signori del castello. Qui si trovavano le loro stanze private, gli ambienti di rappresentanza e la cappella. Il secondo piano del castello, non accessibile durante le visite guidate, era raggiungibile attraverso una scala a chiocciola. Esso era destinato agli alloggi della servitù, dei soldati, alle camere per gli ospiti e alle soffitte.